Per De Laurentiis il 10 maggio è una data da cancellare

Pubblicato il 11 maggio 2017 alle 10:11 da Liberato Ferrara
de laurentiis
Per De Laurentiis il 10 maggio è una data da cancellare pubblicato il: 2017-05-11 da Liberato Ferrara

Per De Laurentiis il Napoli è nato nell’estate del 2004. Tutto quello che c’è stato prima è solo un fastidio. Un qualcosa che sfugge per altro alla sua mente. Lui prima dell’estate del 2004 probabilmente non aveva mai visto una partita di calcio. Ha comprato un foglio di carta bianco, punto.

Tutto quello che riguarda il passato è un fastidio. Figurarsi se poteva tollerare la festa per uno scudetto di 30 anni fa. Per di più una festa di piazza, senza possibilità di farci soldi. Ci fosse stato un bilancio record da ricordare, ancora ancora. Ma una cosa cafona come uno scudetto… Assurdo. Per altro in quasi 13 anni è riuscito ad anestetizzare una congrua parte di tifoseria. Ha fatto capire che l’importante non è vincere ma partecipare alla spartizione dei soldi. Il solo ricordare la parola scudetto potrebbe vanificare otre un decennio di lavaggio del cervello delle masse.

Sta di fatto che ieri la società azzurra ha fatto una figura barbina. Innanzitutto per non aver concesso di fare la partita al San Paolo: a Napoli la data da ricordare è il 10 maggio. A luglio non è una operazione commerciale a basta. A Torino Cairo, un altro che ha preso la squadra dal fallimento, ogni 4 maggio va a Superga per ricordare gli eroi del Grande Torino. Il Torino di Cairo non è nato nel 2005…

De Laurentiis ha in tutti i modi ostacolato la festa. Non entriamo nel merito del divieto di ingresso al San Paolo: in questo caso hanno sbagliato tutti, in primis i guardiani: potevano tranquillamente fare entrare, a meno che non c’era un divieto espresso. A naso, ma non possiamo mettere la mano sul fuoco, la responsabilità è della società, che nel comunicato serale ha pensato bene di specificare che nessuno aveva chiesto nessuna autorizzazione: ora che non dipendeva dal Napoli, di grazia perché chiedere un’autorizzazione alla Società?

De Laurentiis poteva fare tranquillamente quello che hanno fatto Sindaco, Governatore e Cardinale: ricevere a Castelvolturno gli eroi del 10 maggio. A dire il vero era quasi un atto dovuto, non l’ha fatto.

Non solo: ha provato a rubare la scena, senza per altro riuscirvi granché. Ha concesso una intervista a Sky, ed un’altra alla stampa estera. Interviste che lasciano il tempo che trovano (anche se la storia del Centro Sportivo di Bagnoli è è ricordare…), che potevano servire solo ed esclusivamente ad oscurare la festa, ossia il ricordo di uno scudetto di 30 anni fa.

Diciamo che De Laurentiis poteva fare di meglio nella giornata di ieri. Molto meglio. Anzi, era difficile fare peggio…


Benvenuto sull’Archivio di PerSempreNapoli!

Questo sito è l’archivio storico degli articoli pubblicati sul sito PerSempreNapoli.it

Per tornare su PerSempreNapoli.it >>> CLICCA QUI